24 Marzo 2003

dall'articolo: Breve storia della radioastronomia
Il grafico riproduce il segnale radio registrato per la prima volta da Karl Jansky, nel 1932, utilizzando una rudimentale antenna orientabile. Tale segnale, oltre ad avere un periodo di 20', pari a quello di rotazione della giostra, presentava una peculiarità: sembrava riprodurre il cammino del Sole nel cielo, sorgendo a Est e tramontando a Ovest, una volta al giorno. Si trattava forse di radiazione solare? Tale ipotesi fu scartata da Jansky quando si accorse, dopo pochi mesi di monitoraggio, che il picco più intenso del segnale si allontanava man mano dalla direzione del Sole. Tale segnale, inoltre, si ripeteva ogni 23 ore e 56 minuti, una periodicità tipica degli oggetti celesti situati al di là del Sistema Solare. Jansky, senza volerlo, aveva scoperto la prima radiosorgente celeste, nella costellazione del Sagittario.
Fonte: Cosmic Search Magazine






© Cassiope@