3 Giugno 2002

dall'articolo: Un esperimento "pensato" dagli astronomi del Medioevo ...
"Se un uomo potesse viaggiare fino a raggiungere la sfera più esterna delle stelle fisse, cosa accadrebbe se quest'uomo tentasse di stendere il suo braccio oltre la sfera più esterna? Il suo braccio si "troverebbe" da qualche parte?"
A questa domanda, formulata dagli astronomi del Medioevo, Aristotele risponde, nel De Coelo, affermando: "il Cielo è unico, solo e completo: non vi sono né spazio, né vuoto, né tempo al di là di esso".
Fonte: Kerry Magruder






© Cassiope@